Lo sport fa bene ma occorre … ascoltarsi

«Lo sport fa bene ma occorre … ascoltarsi» «Un problema cardiovascolare può sopraggiungere anche con un certificato di idoneità agonistica valido, per cui al minimo segnale è opportuno per qualsiasi sportivo sottoporsi ad accertamenti, ancor di più se si è sopra i quarant’anni».

Lo sottolinea il dottor Gustavo Savino, direttore della Medicina dello Sport dell’Ausl di Modena: «L’Italia è uno dei pochi Paesi al mondo a far fare la valutazione di idoneità agonistica, e la nostra Regione sopra i 40 anni prevede anche un test di sforzo massimale, ma ci possono essere situazioni latenti che non si evidenziano al momento della visita, dopo però possono evolversi.

I sintomi non vanno sottovalutati, anche se uno fa attività amatoriale, perché l’impegno cardiovascolare può essere elevato anche in quest’ambito, se non maggiore in certi casi. Nessuno può prevedere il futuro, possiamo essere prudenti e far prevenzione». Con ciò, non si deve ritenere lo sport pericoloso a una certa età, anzi: «Lo sport è un fattore di salute a qualsiasi età ed è consigliabile a tutti, con l’accortezza di tararsi bene in base alle proprie capacità.

Ci sono soggetti sopra i 60 anni allenati che sono in perfetto stato di salute, e in grado di sostenere sforzi intensi. Ma c’è pure chi si avvicina allo sport dopo tempo e deve fare attività leggera».

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.