Antinfluenzale, vaccino somministrato già dal 5 novembre

La nuova campagna di lotta all’influenza, a suon di vaccini, in Emilia-Romagna sta già per partire. La Regione ha fissato infatti l’ora “X”: il 5 novembre, e ha mandato alle Aziende sanitarie tutte le raccomandazioni e indicazioni operative. Si parte presto, si gioca d’anticipo per arrivare pronti quando la malattia colpirà più duro.

«Tenendo conto che in Emilia-Romagna l’epidemia stagionale evidenzia picchi di incidenza tra dicembre e fine febbraio, si ritiene opportuno collocare l’inizio della campagna antinfluenzale stagionale dal mese di novembre 2018». La convezione per l’acquisto dei vaccini sul portale Intercent-Er è attiva da ieri. Già l’anno scorso la stagione influenzale 2017-2018, scrive la Regione, «ha mostrato un inizio anticipato, simile a quello della precedente stagione, e ha raggiunto una intensità molto alta».

La curva epidemica è scesa nella seconda settimana del 2018, per poi impennarsi nella terza, specie nelle fasce d’età 0-4 e 5-14 anni. L’incidenza massima raggiunta nella seconda settimana del fu di 16,3 casi per 1.000 assistiti. Il che vuol dire che l’anno scorso si stima si siano ammalate in Emilia-Romagna circa 681.000 persone, soprattutto bimbi piccoli, (0-4 anni: nella quarta settimana ci fu il picco a 55,1 casi per 1.000 contro il 44,5 della precedente stagione), poi i ragazzini (picco a 28,3); tra gli Over 65enni l’incidenza massima fu del 7,3 nella seconda settimana.

E quest’anno si aggiunge una nuova categoria di sorvegliati speciali: le donne in gravidanza. Nelle campagne antinfluenzali fino al 2009 si sono avuti «ottimi risultati di persone vaccinate e di protezione della popolazione anziana» (record nel 2006 con il 74,4%), ma nelle ultime «i risultati si sono rivelati molto inferiori all’atteso»: gli Over 65 immunizzati erano uno su due, il 53,1%, anche se in leggera risalita. Nel dirlo la Regione aggiunge anche che «la copertura vaccinale nei soggetti a rischio per patologia, è verosimilmente limitata»: trai 18 e i 64 anni, sta sotto al 30%, tuttavia gli Over 65enni vaccinati sono saliti da 114.687 a 116.388.

Dunque, raccomanda, «è necessario migliorare l’offerta della vaccinazione antinfluenzale» tra chi più può «trarne beneficio; in particolare» chi soffre «patologie croniche, di qualunque età». E questo ricercando progettualità nuove, più efficaci nei confronti delle persone a maggior rischio che non si vaccinano». A tutte le categorie a rischio l’antinfluenzale andrà «proposta in maniera attiva e gratuita» e quest’anno il ministero «ha dato particolare risalto alle donne in gravidanza, collocandole al primo posto nell’elenco delle persone ad alto rischio di complicanze o ricoveri correlati all’influenza».

Infine è possibile fare le vaccinazioni stagionali presso il Policlinico Sant’Orsola secondo le seguenti indicazioni:

dal 05.11.2018 al 31.12.2018 presso l’ambulatorio della Medicina del Lavoro – Pad. 1 nelle seguenti giornate:

  • lunedì, martedì e mercoledì dalle 8:30 alle 16:30
  • giovedì e il venerdì dalle 8:30 alle 14:00.

Il vaccino antinfluenzale sarà inoltre somministrato nell’ambulatorio attivo presso il Pronto soccorso generale – padiglione 5h, Box verde n. 10

  •  dal lunedì al venerdì dalle 12:00 alle 14:00.