Archivi categoria: Notizie

I bisogni del paziente cronico

L’analisi dei modelli di gestione dei pazienti cronici ha evidenziato alcuni importanti risultati. Le cure destinate a protrarsi per un lungo periodo di tempo non possono più essere focalizzata su una patologia, ma devono porre al centro dell’attenzione il paziente, con tutti i suoi bisogni non solo sanitari.

In questo senso, riveste un ruolo fondamentale la formazione dei team multidisciplinari di esperti che possano disegnare e perseguire un fil rouge nell’assistenza, in cui non si creino lacune. Nei bisogni di cure il paziente non svolge più un ruolo passivo, ma assume una posizione attiva nell’auto gestione della sua condizione, supportato dal team socio-sanitario e assistenziale.

La vera sfida per i policy-makers quindi non è solo capire quale soluzione di sistema possa essere adeguata nel momento in cui le decisioni vengono assunte, ma anche proiettare l’efficacia di tale soluzione in un futuro in cui le esigenze dei pazienti e le risorse nel sistema possono variare.

E’ dunque necessario promuovere progetti che possano migliorare l’efficacia dei modelli assistenziali nel medio-lungo periodo con la creazione di reti di home care e sistemi integrati di telemedicina a favore del paziente.

Quale ruolo per l’infermiere nella gestione del diabete tipo 2?

Presentata in Regione Emilia-Romagna una interrogazione, Oggetto 6348, circa l’attuazione del piano delle cronicità in campo diabetico, e nello specifico per quanto riguarda il Tipo 2, con particolare riferimento al ruolo dell’infermiere nel team diabetologico

la Regione Emilia-Romagna recependo quanto esplicitato nel Piano Nazionale sulla malattia diabetica, approvato in Conferenza Stato-Regioni il 6 dicembre 2012, ha intrapreso un percorso di ridefinizione dei servizi territoriali volto a integrare le attività svolte dagli operatori sanitari coinvolti nel processo di assistenza e cura delle patologie croniche, fra le quali il Diabete Mellito tipo 2; in merito sono state redatte dalla Direzione Generale Cura della Persona, Salute e Welfare le “Linee di indirizzo per la Gestione Integrata del Diabete Mellito tipo 2”, aggiornate all’anno 2017.

Fra gli operatori dell’assistenza integrata vi sono i MMG che risulta aderiscano al Progetto remunerati in accordo con Stato e Regione in regime di assistenza integrata, con ambulatorio diabetologico, dietiste, cardiologo. Nelle linee di indirizzo sopra citate vengono definite le attività ed il ruolo degli infermieri dell’ambulatorio per la gestione integrata della cronicità, che devono essere svolte in stretta e continua collaborazione con il Medico di Medicina Generale (MMG), ma non viene chiarito il ruolo dell’infermiere dell’ambulatorio infermieristico di zona.

L’ambulatorio di zona segue alcuni principi per la gestione dei pazienti cronici dettati dalle linee guida relative ai Percorsi diagnostici terapeutici assistenziali regionali; in particolare il riferimento agli ambulatori cronici, per ciò che riguarda gli ambulatori di zona, concernerebbe lo svolgimento di attività volte a seguire i pazienti portatori di scompenso cardiaco con POTA ufficiale inviati su segnalazione del responsabile del SATER e, da

gennaio 2018, pazienti con ulcere difficili con Percorsi diagnostico-terapeutici assistenziali (PDTA) ufficiale della Regione, mentre non rientrerebbero nei PDTA i pazienti con Diabete Mellito Tipo 2. risulterebbe esserci divergenza nelle modalità di gestione integrata del Progetto Diabete Tipo 2 tra i vari ambulatori della Regione Emilia-Romagna per quanto concerne l’utilizzo della figura dell’Infermiere professionale. In alcune realtà, come ad esempio la specialistica ambulatoriale di Castenaso (Bo) risulterebbe essere utilizzata, in orario di servizio, la figura dell’infermiere dell’ambulatorio di zona, aperto alla cittadinanza, per misurare i parametri ai pazienti inseriti nel progetto regionale dei MMG che, al contrario, erogherebbero le loro prestazioni fuori dall’orario di servizio in regime di Accordo sulla Gestione Integrata percependo una remunerazione extra.

L’interrogante chiede alla Giunta regionale se la presa in carico da parte degli ambulatori di zona non debba riguardare i pazienti con Diabete Mellito tipo 2, in quanto non rientranti nei PDTA ma seguiti in Assistenza Domiciliare Integrata ADI dai MMG. In riferimento al progetto per la Gestione Integrata del Diabete Mellito tipo 2 quale sia il ruolo degli infermieri all’interno degli ambulatori infermieristici del territorio non preposti alla gestione integrata della cronicità e quale sia la definizione di ambulatori cronici. Se sia previsto dalle normative vigenti, specificando nel caso la normativa di riferimento, l’utilizzo degli infermieri degli ambulatori di zona non cronici per la rilevazione dei parametri ai pazienti inseriti nel progetto regionale della Gestione Integrata in orario di servizio ed in orari in cui l’ambulatorio è aperto al pubblico anche in accesso diretto. E se corrisponde al vero che per l’assistenza ai pazienti che aderiscono al Progetto della Gestione Integrata viene corrisposta al singolo Medico una quota annua, in aggiunta a quella capitaria già percepita e, in caso affermativo a quanto ammonti tale quota e come viene inserita nel nomenclatore tariffario l’assistenza ai pazienti portatori di Diabete Mellito Tipo 2.

Se non ritenga che, a maggior ragione nel caso in cui le prestazioni assistenziali del MMG vengano remunerate con compensi extra, vi sia un utilizzo improprio della figura dell’infermiere dell’ambulatorio di zona in orario di servizio anche a discapito della qualità del servizio offerto a tutti gli assistiti del SSN.

 

Comunicazione EMA su insulina iniettabile Fiasp

Riportiamo il comunicato AIFA:

Il colore delle cartucce, delle penne pre-riempite e dei flaconcini dell’insulina ad azione rapida Fiasp sta cambiando dal giallo al rosso e giallo a seguito di casi in cui i pazienti hanno erroneamente iniettato Fiasp anziché l’insulina ad azione prolungata Tresiba (disponibile nell’UE in cartucce e penne di colore verde chiaro) o viceversa.

Tali mescolamenti, dovuti al colore simile dei prodotti specialmente in condizioni di scarsa illuminazione, possono causare ipo- o iperglicemia (bassi o alti livelli di glucosio nel sangue), che possono portare a gravi problemi per la salute.

Prima di ogni iniezione è importante controllare il nome del medicinale.

Leggi la Comunicazione EMA sul sito dell’AIFA

Abbott Freestyle Libre: la Regione Emilia-Romagna risponde a una interrogazione

L’assessorato regionale alle politiche per la salute riguardo all’interrogazione specificata, oggetto n. 5779,  precisa quanto segue:

Lo studio in corso sul Flash Glucose Monitoring (FGM) in tutte le Aziende sanitarie regionali terminerà a dicembre 2018 e non è previsto un ulteriore rinnovo di altri 24 mesi.

Questo studio, unico tra le regioni italiane, offrirà un rilevante contributo rispetto al profilo di sicurezza per i pazienti nell’uso del dispositivo, ritenuto opportuno per le motivazioni già illustrate in una precedente risposta.

L’Assessorato il 16 gennaio scorso ha incontrato tutte le Associazioni dei diabetici, rappresentative di tutti i territori regionali, per la discussione sui risultati preliminari dello studio in corso, sugli esiti di salute e criteri di ampliamento del Dispositivo in coerenza con le indicazioni del DPCM sui nuovi Livelli Essenziali di Assistenza del 12 gennaio 2017.

Si precisa, inoltre, che è in corso un Health Technology Assessment (HTA) sul Flash Glucose Monitoring da parte di AGENAS (Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali) su commissione del Ministero della Salute. L’HTA è un approccio multidimensionale e multidisciplinare per l’analisi delle implicazioni cliniche, sociali, organizzative, economiche, etiche e legali di una tecnologia. L’obiettivo è di valutare l’efficacia e la sicurezza clinica del FGM, il suo impatto sulla qualità della vita, prò e contro del suo utilizzo rispetto ad altre modalità di monitoraggio glicemico.

La Certificazione Europea all’utilizzo di dispositivi medici non è garanzia di assoluta efficacia clinica, ma solo del rispetto dei requisiti “essenziali” di sicurezza ed efficacia, certificati solitamente da società private.

Il protocollo di studio della Regione e l’HTA di AGENAS serviranno per meglio chiarire le modalità e l’efficacia clinica nell’utilizzo dello strumento.

Riguardo alla richiesta di dare la possibilità ai diabetici di scegliere se utilizzare il contributo del SSN per l’acquisto delle strisce reattive o per l’acquisto del dispositivo FGM, si precisa che non sarebbe equo e tantomeno conveniente per la persona con diabete. Ad oggi, tutti i dispositivi finalizzati a un ottimale controllo glicemico e alla somministrazione di insulina sono gratuiti per tutti i pazienti affetti da diabete mellito. I dispositivi sono acquisiti dalle Aziende sanitarie tramite una gara regionale centralizzata sulla base di criteri di sicurezza e di costo-efficacia che tengono conto delle particolari esigenze dell’età pediatrica.

Si precisa infine che sulla base delle indicazioni regionali già fornite (Circolare13/2015) la scelta del dispositivo viene concordata tra il diabetologo di riferimento, il paziente e la famiglia, nell’ambito del piano personalizzato.

Cambiare medico? In Emilia-Romagna basta un clic

Sanità online. Cambiare medico? In Emilia-Romagna basta un clic Sono entrati in funzione nuovi servizi sul fascicolo sanitario elettronico. In particolare si potrà cambiare il proprio medico di base con un clic da casa. Inoltre sarà disponibile una funzione per consultare online il proprio libretto sanitario e si potrà fare o modificare l’autocertificazione del proprio reddito. Le stesse funzioni sono attivate anche per quanto riguarda i propri figli e di coloro di cui si è ricevuta la delega, come ad esempio un genitore anziano. Ad oggi in Emilia-Romagna sono 424.834 i fascicoli attivati (circa il 10% degli assistiti), buona parte nel territorio della Ausl di Bologna. Nel capoluogo sanitario i cittadini che usano il fascicolo solo 136.305. Rimane, tuttavia, «uno strumento ancora poco sfruttato», sottolinea la Regione, «nonostante la sua grande utilità sia per i medici sia per i cittadini, che con un semplice clic hanno a portata di mano tutta la propria storia clinica».

Diabetologia del Policlinico Sant’Orsola Bologna cambia pelle

Le operazioni volte ad ammodernare e migliorare i servizi offerti ai diabetici e visitatori dall’Unità Operativa di Diabetologia, diretta dal Professor Uberto Pagotto, del Policlinico Sant’Orsola proseguono

Da lunedì 12 febbraio la Diabetologia si trasferisce temporaneamente – circa per tre mesi (al piano -1 ala D dello stesso padiglione 11).

L’accesso alla struttura potrà avvenire, come ora, dall’ingresso principale o dal lato dello stabile dalla strada tra l’edicola e il padiglione 17 (dove presente il CUP interno e il bar).

Il trasferimento si è reso necessario per permettere i lavori di ristrutturazione (creazione di bagno anche per portatori di Handicap, tinteggiatura, climatizzazione, know-how tecnologico).

Libre: ancora tu….

Regione Emilia-Romagna: ancora una interrogazione del Consigliere Bignami – Oggetto n. 5779  – circa il dispositivo per la lettura continua della glicemia a domanda Abbott Frrestyle Libre, con la quale chiede all’Assessore alla Sanità Venturi di sapere quali siano le ragioni per cui la Regione ritiene necessaria una “sperimentazione” di ulteriori 24 mesi quando il dispositivo ha già ottenuto a Certificazione Europea e altre Regioni hanno deliberato che può essere rimborsato dal Servizio Sanitario Nazionale (SSN). Se vi sia intenzione, da parte della Regione Emilia Romagna, di dare la possibilità ai diabetici di scegliere se utilizzare il contributo del SSN per l’acquisto delle strisce reattive o per l’acquisto del FreeStyle. Se vi sia intenzione della Regione di inviare un questionario ai diabetici per far scegliere a loro direttamente quale dispositivo ritengano più confacente alle loro necessita.

Non ci liberi dal male ma almeno dacci il Libre

Regione Emilia-Romagna – Assemblea Legislativa, il consigliere Galeazzo Bignami ha presentato una interrogazione (Oggetto 5199) rivolta alla Giunta regionale circa le modalità di erogazione del sistema FGM (Flash Glucose Monitoring), e in particolare vuole sapere quali siano le ragioni per cui la Regione abbia predisposto una sperimentazione di soli due anni e se possibile rendere il dispositivo accessibile a tutti i portatori della patologia, nonché far riconoscere, con una apposita legge regionale, il sistema per tutte le persone con diabete e in caso affermativo, in quali tempi.

Infine il consigliere chiede di sapere quali iniziative sono in programma per sensibilizzare la popolazione emiliano-romagnola rispetto al diabete e per far sì che i malati inconsapevoli siano edotti e salvaguardati.

Il consigliere chiede di prendere esempio dal Veneto e rendere più lunga la sperimentazione in Emilia Romagna, oltre che prevedere una legge che riconosca il sistema
Rendere il dispositivo di automonitoraggio della glicemia accessibile a tutti i portatori di diabete e predisporre una sperimentazione più lunga dei due anni previsti dalla Regione Emilia-Romagna. Questo il tema al centro dell’interrogazione presentata alla giunta da Galeazzo Bignami, consigliere di Forza Italia.

“Nella popolazione emiliano-romagnola dai 18 anni in su, -spiega il consigliere- la prevalenza del diabete è attorno 6,7% (sul totale, inclusi i bambini, è del 5,9%) e si può stimare che siano decine di migliaia le persone affette da questa malattia senza esserne però consapevoli”. Bignami, inoltre, cita l’esempio della Regione Veneto, che ha adottato una delibera in cui si definiscono “le modalità e i criteri per la dispensazione dei dispositivi di automonitoraggio della glicemia che adottano il sistema di Fgm (Flash glucose monitoring) rivolti ai pazienti minorenni con patologia e ad adulti in terapia insulinica con particolari necessità”.

La Regione Emilia-Romagna, ricorda il consigliere, “ha avviato un progetto con la finalità di raccogliere dati sulle modalità di erogazione della Fgm, che si sviluppa in un arco temporale di 24 mesi”. Per questo, l’esponente di Forza Italia interroga la Giunta per sapere “quali siano i motivi per cui la Regione ha predisposto una sperimentazione di soli due anni, se sia possibile rendere il dispositivo accessibile a tutti i portatori della patologia, se vi sia intenzione da parte della Regione di far riconoscere con una apposita legge regionale il sistema per tutti e in quali tempi e quali iniziative intenda portare avanti per sensibilizzare la popolazione emiliano romagnola rispetto al diabete”.

 

Intervista alla dottoressa Alessandra Sforza

Repubblica Bologna del 6 agosto 2017: riproduciamo l’intervista alla direttrice della diabetologia dell’Ospedale Maggiore di Bologna e di tutta la ASL della provincia metropolitana.

Versione testuale per gli utenti con disabilità visive

Repubblica Bologna di domenica 6 agosto 2017, pagina 5

Diabete, boom di malati lungo la via Emilia in 15 anni 100mila in più

di m.rad.

IL DOSSIER Diabete, boom di malati lungo la via Emilia in 15 anni 100mila in più –  Diabete, in Emilia centomila casi in più. La malattia è sempre più diffusa in regione: in 15 anni un balzo del 71%. Tra gli anziani numeri raddoppiati, Centri specializzati sotto stress per l’aumento delle richieste. Per fortuna i ricoveri per i più gravi sono in calo. QUASI centomila malati in più nell’arco di appena un quindicennio. A conti fatti, è questo il dato che più impressiona dell’ultimo report sul diabete firmato dall’Istat. Perché in regione, cosi come nel resto d’Italia, la malattia del glucosio ha fatto registrare un vero e proprio boom. Nel 2000, infatti, gli emiliano romagnoli che «dichiaravano di essere affetti da diabete» erano solo 131mila, mentre l’anno scorso sono arrivati a quota 225mila. Calcolatrice alla mano, si parla di un netto 71%, un dato che ovviamente ha finito per “stressare” il nostro sistema sanitario, costringendolo in qualche modo a ripensarsi. Le 25 strutture specializzate censite sul nostro territorio provinciale da Siditalia — la Società Italiana di Diabetologia, associazione no profit attiva nel campo della ricerca scientifica e della formazione per medici e operatori sanitari — sono “prese d’assalto” dalla marea di nuovi pazienti. E lo confermano anche i medici in prima linea sul fronte della malattia: «I nostri centri e ambulatori specializzati — dicono — sono pieni e lavorano ormai a pieno ritmo». Inevitabile, del resto: l’aumento delle diagnosi ha come ovvia conseguenza un incremento dei diabetici presi in carico. La rete di assistenza andrebbe dunque potenziata, sottolineano, non tanto del numero di strutture ma della loro dislocazione sul territorio. E, almeno per quanto riguarda i centri dell’Ausl felsinea, andrebbero potenziati nel numero dei professionisti che vi lavorano.

Spulciando tra le tabelle pubblicate qualche settimana fa dall’Istat, peraltro, si scopre anche qualche altro dato interessante. Innanzitutto, l’aumento dei casi di diabete ha interessato soprattutto gli anziani, a conferma che quella dei pensionati è una delle categorie più a rischio: i diabetici dai 65 anni in su sano praticamente raddoppiati, passando dagli 85milia di inizio millennio ad oltre 170mila. In pratica, tre diabetici su quattro in regione hanno i capelli bianchi. In secondo luogo — e qui arriva l’analisi più significativa, che testimonia come nel passare degli anni si sia radicalmente trasformato il trattamento della malattia — tra il 2000 e il 2016 le «dimissioni ospedaliere per diabete in diagnosi principale» si sono quasi dimezzate, passando da 7.102 a 3.826. Tradotto: nonostante la maggiore diffusione della malattia, i ricoveri ospedalieri dovuti in prima battuta al diabete sono drasticamente diminuiti, in parte anche perché la malattia viene diagnosticata con largo anticipo rispetto a quanto avveniva anche solo una quindicina di anni fa. Un vantaggio non da poco, se si considera che la scoperta precoce permette di iniziare prima la terapia, rendendola più efficace e ricorrendo sempre più spesso a visite ambulatoriali ripetute e a controlli del paziente piuttosto che al ricovero ospedaliero. A scapito, però, delle strutture specializzate nel trattamento del diabete, che hanno visto aumentare notevolmente il proprio carico di lavoro.

L’intervista. Alessandra Sforza, endocrinologa dell’Ausl sulle ragioni dell’incremento “Il boom dei pazienti ci ha messi in difficoltà ora potenziare i servizi” LE CAUSE: Vita media più lunga, sedentarietà, diete sbagliate e obesità «SÌ, l’aumento dei pazienti è stato significativo, e in qualche modo ci ha messi tutti in difficoltà. I centri diabetologici lavorano a pieno ritmo e vanno potenziati». E su questo, garantisce Alessandra Sforza, responsabile dell’ Unità operativa di endocrinologia dell’Ausl di Bologna, «non c’è ombra di dubbio». Dottoressa Sforza, ma esattamente a cosa è dovuto questo incremento? «I motivi sono tanti e anche molto diversi tra loro: si va dall’allungamento della vita media agli stili di vita scorretti ( alimentazione non adatta e eccessiva sedentarietà), passando per un incremento del diabete legato all’obesità e per le maggiori probabilità di sopravvivenza di chi viene colpito dalla malattia — l’Istat certifica un calo del 20% della mortalità per diabete ndr — . E, ovviamente, ora c’è anche più sensibilità dal punto di vista diagnostico». Sarebbe a dire? «Da una parte i pazienti sono molto più consapevoli, perché c’è stata una forte sensibilizzazione sulla malattia. Dall’altra, invece, vedo maggiore attenzione sulle diagnosi: rispetto all’inizio del millennio la malattia viene individuata molto prima, e questo ci permette di affrontarla meglio. Abbiamo lavorato molto in questo senso. Certo, ancora oggi una parte dei diabetici non vengono diagnosticati, ma sicuramente in questi anni c’è stato un forte intervento preventivo».

Aumentano tutti i tipi di diabete, indistintamente? «I dati ci mostrano che il diabete di tipo 1, quello giovanile, è rimasto tendenzialmente costante salvo un lieve incremento negli ultimi tempi. Ad aumentare, semmai, è stato soprattutto la diffusione del diabete di tipo 2, che insorge tendenzialmente in età più adulta e rappresenta oltre il 90% di tutte le forme della malattia». Un incremento preoccupante? «Ci preoccupa nel senso che chiaramente il diabete è una patologia cronica con importante impatto sociale. Anche se la mortalità è notevolmente calata nell’ultimo ventennio, l’aspettativa di vita di un diabetico è comunque inferiore rispetto ad un individuo sano. Il diabete è un fattore di rischio per tante altre patologie, e le complicazioni a livello cardiovascolare possono essere molto serie. E poi ci preoccupa perché sicuramente le nostre risorse non sono infinite».

In che senso? «Voglio dire che l’aumento delle diagnosi ha ovviamente comportato un aumento dei pazienti presi in carico, e molti dei nostri centri specializzati lavorano a pieno ritmo. Stiamo cercando di potenziarli, e la nostra Ausl è particolarmente sensibile al problema sia della riorganizzazione che della criticità delle risorse». E fino ad oggi cosa avete fatto? «Abbiamo introdotto i percorsi di gestione integrata con il medico di medicina generale, in modo da adeguare le strutture preposte all’aumento del numero di casi. Questo sistema prevede che solo i pazienti più gravi, e con più complicanze, siano gestiti direttamente dai centri diabetologici, mentre per gli altri casi il diabetologo funge da consulente per il medico di medicina generale. E poi abbiamo investito molto anche sulla prevenzione del diabete attraverso interventi educativi sull’alimentazione e gli stili di vita, con il coinvolgimento di varie figure professionali».

ALESSANDRA SFORZA. — E’ responsabile della endocrinologia dell’Ausl di Bologna. L’ALLARME La malattia del glucosio ha fatto registrare un vero e proprio boom: l’anno scorso gli affetti da diabete sono arrivati a quota 225mila!

 

Flash Glucose Monitoring (Libre): cosa dice l’Assessore regionale alla Sanità?

Rispondendo all’interrogazione oggetto n.  4544 presentata dai consiglieri del gruppo Lega Nord del Consiglio regionale dell’Emilia-Romagna,  l’Assessore regionale alle politiche per la salute dott. Sergio Venturi afferma: il Flash Glucose Monitoring (FGM) è un dispositivo medico di recente immissione in commercio (Certificazione Europea per l’uso in età adulta ottenuta nell’agosto del 2014 e a febbraio 2016 per l’età pediatrica) che consente, nelle persone con diabete mellito, di misurare il livello di glucosio interstiziale tramite un sensore e un trasmettitore che stima poi il valore della glicemia con letture multiple, riducendo sensibilmente la necessità di ricorrere al prelievo capillare. A differenza di altri sensori è privo di allarmi, non richiede calibrazione ed è progettato per rimanere applicato al corpo fino a 14 giorni.

Mentre è evidente l’impatto positivo che questo sistema può avere sulla qualità della vita, dal momento che riduce il numero di punture sul polpastrello, non è però noto l’impatto che può avere sul controllo glicemico. Dal momento che il sistema rileva la concentrazione di glucosio interstiziale e non quella del sangue sono possibili sovra e sottostime del valore della glicemia. Quando i livelli di glucosio diminuiscono rapidamente, ì valori del glucosio ottenuti dal FGM potrebbero essere più alti rispetto ai livelli della glicemia. Al contrario, quando i livelli di glucosio aumentano rapidamente, i valori del glucosio ottenuti dal FGM potrebbero essere più bassi rispetto ai livelli della glicemia.

Per le motivazioni sopracitate la Regione Emilia-Romagna e la FeDER (Federazione Diabete Emilia-Romagna, la quale raccoglie associazioni di pazienti e familiari) hanno ritenuto opportuno avviare un progetto con la finalità generale di raccogliere dati sulle modalità erogative del FGM, valutando l’esperienza sia dei professionisti sia dei pazienti.

Il progetto si sviluppa in un arco temporale di 24 mesi, coinvolge un campione di 700 pazienti affetti da diabete mellito (350 di età adulta e 350 di età pediatrica) ed è stato condiviso con i professionisti delle Aziende sanitarie e il Comitato di Indirizzo della Malattia Diabetica. A maggio 2017 si è concluso l’iter per l’approvazione da parte dei Comitati Etici delle Aziende sanitarie, e le Strutture Diabetologiche hanno poi dato avvio al progetto sulla popolazione identificata.

La Regione, in condivisione con la FeDER, con la Circolare n. 12 del 15/09/2016 aveva comunque già ritenuto di avviare una fase pilota, preliminare alla realizzazione del progetto nella popolazione pediatrica (età 4-11 anni), in concomitanza con l’inizio delle scuole.

I risultati dello studio saranno utili nell’individuazione dei criteri di erogazione del FGM, su tutto il territorio regionale, in un contesto di appropriatezza e sostenibilità, coerentemente con il Piano nazionale per la malattia diabetica (recepito con Dgr 540/2014) e con il DPCM “Definizione e aggiornamento dei livelli essenziali di assistenza” del 12 gennaio 2017. In particolare, nel DPCM, oltre al compito di garantire i presidi agli assistiti affetti da malattia diabetica, viene assegnato alle Regioni anche quello di disciplinare le modalità di accertamento del diritto alle prestazioni, le modalità di fornitura dei prodotti e i quantitativi massimi concedibili sulla base del fabbisogno, determinato in funzione del livello di gravità della malattia.

Non ultimo, si coglie l’opportunità per precisare che la Regione Emilia-Romagna garantisce i dispositivi finalizzati a un ottimale controllo glicemico e alla somministrazione di insulina a tutti i pazienti affetti da diabete mellito. I dispositivi sono acquisiti dalle Aziende sanitarie tramite una gara regionale centralizzata (Convenzione Intercent-ER Fornitura in ambito territoriale di lancette pungidito, strisce reattive e sistemi per la diagnostica rapida della glicemia) sulla base di criteri di sicurezza e di costo-efficacia che tengono conto delle particolari esigenze dell’età pediatrica e adulta, con la formulazione di lotti specifici.