Abbott Freestyle Libre: la Regione Emilia-Romagna risponde a una interrogazione

L’assessorato regionale alle politiche per la salute riguardo all’interrogazione specificata, oggetto n. 5779,  precisa quanto segue:

Lo studio in corso sul Flash Glucose Monitoring (FGM) in tutte le Aziende sanitarie regionali terminerà a dicembre 2018 e non è previsto un ulteriore rinnovo di altri 24 mesi.

Questo studio, unico tra le regioni italiane, offrirà un rilevante contributo rispetto al profilo di sicurezza per i pazienti nell’uso del dispositivo, ritenuto opportuno per le motivazioni già illustrate in una precedente risposta.

L’Assessorato il 16 gennaio scorso ha incontrato tutte le Associazioni dei diabetici, rappresentative di tutti i territori regionali, per la discussione sui risultati preliminari dello studio in corso, sugli esiti di salute e criteri di ampliamento del Dispositivo in coerenza con le indicazioni del DPCM sui nuovi Livelli Essenziali di Assistenza del 12 gennaio 2017.

Si precisa, inoltre, che è in corso un Health Technology Assessment (HTA) sul Flash Glucose Monitoring da parte di AGENAS (Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali) su commissione del Ministero della Salute. L’HTA è un approccio multidimensionale e multidisciplinare per l’analisi delle implicazioni cliniche, sociali, organizzative, economiche, etiche e legali di una tecnologia. L’obiettivo è di valutare l’efficacia e la sicurezza clinica del FGM, il suo impatto sulla qualità della vita, prò e contro del suo utilizzo rispetto ad altre modalità di monitoraggio glicemico.

La Certificazione Europea all’utilizzo di dispositivi medici non è garanzia di assoluta efficacia clinica, ma solo del rispetto dei requisiti “essenziali” di sicurezza ed efficacia, certificati solitamente da società private.

Il protocollo di studio della Regione e l’HTA di AGENAS serviranno per meglio chiarire le modalità e l’efficacia clinica nell’utilizzo dello strumento.

Riguardo alla richiesta di dare la possibilità ai diabetici di scegliere se utilizzare il contributo del SSN per l’acquisto delle strisce reattive o per l’acquisto del dispositivo FGM, si precisa che non sarebbe equo e tantomeno conveniente per la persona con diabete. Ad oggi, tutti i dispositivi finalizzati a un ottimale controllo glicemico e alla somministrazione di insulina sono gratuiti per tutti i pazienti affetti da diabete mellito. I dispositivi sono acquisiti dalle Aziende sanitarie tramite una gara regionale centralizzata sulla base di criteri di sicurezza e di costo-efficacia che tengono conto delle particolari esigenze dell’età pediatrica.

Si precisa infine che sulla base delle indicazioni regionali già fornite (Circolare13/2015) la scelta del dispositivo viene concordata tra il diabetologo di riferimento, il paziente e la famiglia, nell’ambito del piano personalizzato.

Cambiare medico? In Emilia-Romagna basta un clic

Sanità online. Cambiare medico? In Emilia-Romagna basta un clic Sono entrati in funzione nuovi servizi sul fascicolo sanitario elettronico. In particolare si potrà cambiare il proprio medico di base con un clic da casa. Inoltre sarà disponibile una funzione per consultare online il proprio libretto sanitario e si potrà fare o modificare l’autocertificazione del proprio reddito. Le stesse funzioni sono attivate anche per quanto riguarda i propri figli e di coloro di cui si è ricevuta la delega, come ad esempio un genitore anziano. Ad oggi in Emilia-Romagna sono 424.834 i fascicoli attivati (circa il 10% degli assistiti), buona parte nel territorio della Ausl di Bologna. Nel capoluogo sanitario i cittadini che usano il fascicolo solo 136.305. Rimane, tuttavia, «uno strumento ancora poco sfruttato», sottolinea la Regione, «nonostante la sua grande utilità sia per i medici sia per i cittadini, che con un semplice clic hanno a portata di mano tutta la propria storia clinica».

Diabetologia del Policlinico Sant’Orsola Bologna cambia pelle

Le operazioni volte ad ammodernare e migliorare i servizi offerti ai diabetici e visitatori dall’Unità Operativa di Diabetologia, diretta dal Professor Uberto Pagotto, del Policlinico Sant’Orsola proseguono

Da lunedì 12 febbraio la Diabetologia si trasferisce temporaneamente – circa per tre mesi (al piano -1 ala D dello stesso padiglione 11).

L’accesso alla struttura potrà avvenire, come ora, dall’ingresso principale o dal lato dello stabile dalla strada tra l’edicola e il padiglione 17 (dove presente il CUP interno e il bar).

Il trasferimento si è reso necessario per permettere i lavori di ristrutturazione (creazione di bagno anche per portatori di Handicap, tinteggiatura, climatizzazione, know-how tecnologico).

Insieme per stare bene, auguri di buone feste!

Quando un anno sta per finire è Natale

Quando tutto sembra finire si ricomincia

È questa la sorpresa che, sempre, ci riserva la vita

La voglia, la forza di ricominciare

Il messaggio che ci lascia il Natale e di un nuovo anno

Prossimo a cominciare

Un nodo da sciogliere, una speranza della quale non possiamo far senza.

Auguri di Buon Natale e Felice Anno Nuovo da DIABETICI INSIEME A BOLOGNA

DIA.BO.

Libre: ancora tu….

Regione Emilia-Romagna: ancora una interrogazione del Consigliere Bignami – Oggetto n. 5779  – circa il dispositivo per la lettura continua della glicemia a domanda Abbott Frrestyle Libre, con la quale chiede all’Assessore alla Sanità Venturi di sapere quali siano le ragioni per cui la Regione ritiene necessaria una “sperimentazione” di ulteriori 24 mesi quando il dispositivo ha già ottenuto a Certificazione Europea e altre Regioni hanno deliberato che può essere rimborsato dal Servizio Sanitario Nazionale (SSN). Se vi sia intenzione, da parte della Regione Emilia Romagna, di dare la possibilità ai diabetici di scegliere se utilizzare il contributo del SSN per l’acquisto delle strisce reattive o per l’acquisto del FreeStyle. Se vi sia intenzione della Regione di inviare un questionario ai diabetici per far scegliere a loro direttamente quale dispositivo ritengano più confacente alle loro necessita.

Che carica!

Mens Sana in Corpore Sano – la camminata guidata dai medici dell’Ospedale Maggiore e dallo storico di Bologna professor Poli, con il patrocinio della AUSL di Bologna e Circolo Rotary Giulietta Masina di San Giorgio di Piano e organizzata dalla nostra Associazione, che ripercorre la rete e canalizzazione idrica della città attraverso un itinerario guidato dall’app per smartphone Utopic lungo 4,6 km a piedi ha registrato un successo di partecipazione senza precedenti.

In un centinaio hanno partecipato all’iniziativa a conclusione della Giornata Mondiale del Diabete edizione 2017.

 

Il cruscotto segna 200!

Giornata Mondiale del Diabete AD 2017 edizione locale San Lazzaro di Savena (BO), nella piazza principale della città alle porte di Bologna, piazza Bracci, famosa alle masse per essere luogo di residenza e abitazione di Cesare Cremonini, Gianni Morandi e Alberto Tomba solo per citare alcuni dei personaggi più famosi.

Oggi 18 novembre in questo luogo abbiamo effettuato in quattro ore di presenza 200 controlli del glicemia con annessa valutazione dei fattori di rischio per il diabete tipo 2,  e nel quadro dei tanti test effettuati sono stati riscontrati quattro casi di patologia non rilevata con livello dello zucchero oltre i 300 mg/dl!

Ma non solo: c’è stato dialogo inteso e positivo con la popolazione sulle tematiche al centro non solo della patologia diabetica, ma della cultura alimentare, degli stili di vita e altri aspetti legati al vivere quotidiano.

102 anni!

Erano anche tanti i diabetici adulti tipo 1, ma anche giovani, che si sono affacciati, presentati nel nostro gazebo.

La scelta fatta quest’anno da DIABO di essere presenti sul territorio, sempre più vicini alle gente non solo ci aiuta a fare meglio ma ci rende veramente felici. Piccolo cameo: il biscotto della salute con il logo DIABO ha avuto un incredibile successo (vedi foto)! Domani ci aspetta la camminata sulle acque a Bologna e poi si continua su questa strada: perché fare del bene ci fa stare bene.

Grazie alla Città di San Lazzaro, grazie ai medici, infermiere e tanti volontari che hanno contribuito in modo determinante a fare di oggi una GRANDE giornata per i diabetici e tutta la società.

La Presidente AGATA MAGALETTA

Un grande passato nel nostro futuro

Non so se avete presente gli aggiornamenti successivi alla release del IOS 10 per Iphone, ecco per effettuarli dovete avere una pazienza olimpica, anzi “mens sana in corpore sano” anzi, ancora meglio sarebbe fare 10000 passi, magari a Bologna, ripercorrendo in superficie la rete di canali che sino 70 anni addietro e più anticamente, faceva da ossatura del sistema nodale, di trasporto ed economico del capoluogo petroniano.

Ieri 16 novembre ha avuto un grande successo di partecipazione e interesse da parte della popolazione, la conferenza 10000 passi sopra le acque presso l’Aula Magna dell’Ospedale Maggiore che ha presentato l’evento “Mens sana in corpore sano”, il quale si svolgerà domenica mattina 19 novembre.

La Presidente Agata Magaletta ha aperto l’evento, affermando che questa iniziativa è solo la prima di altre a seguire, per informare e coinvolgere i diabetici, e non solo, su iniziative positive e volte a condurre un  corretto e sano stile di vita.

Il professor Marco Poli, storico ha introdotto l’incontro facendo un’ampia e interessante illustrazione del come si è evoluta la rete dei canali in Bologna dall’anno 1000 e  la canalizzazione ha contribuito enormemente a rendere la città un polo di attrazione per investimenti e innovazione, quindi ricchezza per il tessuto urbano.

A seguire il dottor Paolo Macchiagodena, che ha presentato Utopic, l’app per smartphone che sarà impiegata per tracciare il percorso della camminata e illustrare, passo per passo, i punti storici della città con la voce narrante del prof. Poli

Quindi il dottor Giovanni Corona, ha affrontato il rapporto diabete tipo 2 e obesità, una pandemia destinata ad espandersi ancor più secondo le proiezioni fino al 2050. Affrontando poi le ricadute che tale fenomeno ha sulla salute di genere (in questo caso maschile).

Poi il dottor Gerardo Astorino, ha presentato il rapporto tra diabete ed attività fisica, con un taglio esaustivo e arricchito delle tante iniziative in corso a Bologna e provincia in tale ambito. Intervento pieno di spunti e con uno spazio pratico e interattivo presentato da un laureato in scienze motorie il quale, in due minuti, ha dimostrato come anche da fermi possiamo fare attività fisica per cominciare a stare meglio.

Infine la dottoressa Alessandra Sforza, ha affrontato il rapporto diabete e donna. Attualmente esistono oltre 199 milioni di donne che vivono con il diabete. Il totale è destinato ad aumentare a 313 milioni entro il 2040. Due donne su cinque con diabete sono di età riproduttiva: oltre 60 milioni di donne in tutto il mondo. Il diabete è la nona causa principale di morte nelle donne a livello globale, causando 2,1 milioni di morti all’anno. Presso l’Ospedale Maggiore c’è da 10 anni un ambulatorio dedicato sia per seguire le donne con diabete in gravidanza all’interno di un percorso terapeutico definito e personalizzato, così come meglio approcciare la differenza di genere nelle terapie, e l’impatto che queste hanno sulla salute femminile.

L’evento è da ripetere, intanto per chi lo vorrà e potrà vi aspettiamo domani 18 novembre 2017 dalle 9 alle 14 saremo a San Lazzaro di Savena (BO) – piazza Bracci (tra la Chiesa e il Comune) per informare la popolazione circa il diabete in occasione della Giornata Mondiale. E domenica 19 novembre 2017 ore 9 assieme ai medici dell’ospedale Maggiore per 10.000 passi attraverso la storia della città di Bologna, con il percorso delle acque guidato dall’app Utopic per smartphone che gira sia su sistemi Android che IOS per iphone. Una applicazione che aiuta a muoversi, unendo l’attiva fisica con la conoscenza storia e culturale del territorio e del tessuto urbano. Partenza dalla  Chiesa del Valentino via Calari 10.

Per scaricare e installare l’app Utopic cliccare qui

Android – Google Play

Ios – App Store

Diabetici Insieme a Bologna